[GERONTOCRAZIA] Che fatica essere un senior developer

Probabilmente sto per prendermi una pioggia di merda, però, che fatica essere uno sviluppatore senior.

Ho avuto la fortuna di capitare probabilmente in un’azienda che fatica a trovare buoni sviluppatori in un mercato drogato dalla bassa popolazione e grande richiesta di servizi, quindi pur essendo mediocre sono fortunato ad essere stimato da tutto il board e dai tecno preti della stessa azienda (intendo le orde di middle manager e first line manager). Qui ci sono arrivato senza calcolo ma per pura fortuna e privilegio. Però ho sempre studiato e cercato di essere la migliore versione possibile di quello che credevo essere uno sviluppatore decente che non ha il dono della matematica ne della memoria che tanti del settore hanno.

Questo mi ha portato a diventare uno specialista di sviluppo agile/sostenibile: praticamente faccio solo codice validato da test e sono specializzato nell’insegnare a team refactoring e manutenzione evolutiva; una cosa che sembra il minimo, ma tipo è una barzelletta nel settore (tutti lo fanno ma in realtà no). Questo in kotlin, Java, c#, scala, typescript e javascript, con kafka, mongo, aws e chi più ne ha più ne metta.

Beh, in tutto ciò, con sorpresa di nessuno di voi che legge probabilmente, mi sono reso conto che pur essendo il mio (come tanti altri) un lavoro Che ha più a che fare con le persone che con i computer, che la misantropia rende il tutto un sacco difficile.

Preambolò lunghissimo per dire che penso di sapere quel che dico quando mi sfogo dicendo:
Ma che fastidio questi frontender che come falene vanno dietro a tutti gli hype e non riescono a manutenere decentemente una decina di microfrontend.
Che odio questi backender che dopo 10 anni di big bang deploy in ritardo e fatti male, ancora si bagnano quando ti parlano del loro prossimo big bang deploy.
Che nazismo questi fullstack developers che ancora si rifiutano di imparare l’unica cosa che aumenterebbe la loro efficienza del 400% (letteralmente 5 comandi di git).
Che tristezza questi sviluppatori che arrivano e ti consigliano il tale vlogger che fa la serie di tre video da 40 minuti per spiegare la dependency injection come un articolo di 20 anni fa che leggi in 5 minuti fa meglio.
Che nausea sti dementi che hanno IntelliJ pagato e si sentono fighi ad usare visual studio code perché si.
Quanta amarezza vedere “data scientists” che si bullano del proprio POC e non considerano codice in produzione la sola unica cosa di cui andare fieri.

Bah, potrei continuare, ma quel minimo per sfogarmi l’ho scritto…
Avete voglia di aggiungere il vostro sfogo? Non penso me la prenderò a male se è uno sfogo contro i senior developer che rompono il cazzo sulle combinazioni da tastiera e gli alias per la bash (sarei io).

1 Like

ripasso lunedì

Buco per quando c’ho tempo ed ispirazione :asd:

AS A senior developer
I WANT TO lamentarmi pure io

come crius ripasso lunedì :asd:

Almeno facciamoci pagare per lamentarci :sisi:

1 Like

e poi basta il primo meeting del lunedì mattina per far venire a galla tutto il risentimento :asd:

Bella vita voi dev:
Strapagati, weekend non fate nulla (ripasso lunedì) e durante la settimana riuscite a lamentarvi qui sotto orario lavorativo :duh:

3 Likes

Quindi ci si trova tutti qua lunedì? Me lo segno in agenda :sisi:

Senior dev anche io.
Mi dispiace ma rispondo solo in orario lavorativo, ci sentiamo lunedì.

5 Likes

Dai facciamo standup e retrospettiva. Verso le 10 facciamo fika.

Lun dalle 9 sprint retrospective e sprint planning :asdsad:

che fastidio questi data scientist che rilasciano codice “production ready” ma di production ready non ha nulla. chiamate che rispondono in 30s, body di risposta da 10MB di json inutili, ma no il problema non è nel loro servizio.
che fastidio i product manager/account manager che si fanno i bocchini a vicenda ad ogni riunione, quando in realtà quello che producono veramente è pari a zero e che si piegano a 90 con le richieste dall’alto senza minimamente pensare alla parte tecnica. che vogliono adottare sempre tool nuovi perché “così ci pensiamo noi e voi dev non dovete fare nulla”. sì certo come no :asd:
che fastidio gli “architect” che la sera prima leggono un articolo su perché la programmazione event driven è meglio di X e il giorno dopo ti fanno riscrivere tutto un progetto.
che fastidio i dirigenti che mettono becco su tutto e che ti fanno perdere settimane di lavoro perché “dobbiamo subito mitigare questo problema facendo così” quando il risultato finale è poi non aver risolto un cazzo di niente.
che fastidio il famoso “crunch” protratto per quasi un anno per poi shippare ben 0 prodotti.
che fastidio i senior e i lead di team diversi che si fanno i dispetti perché si sono pestati i piedini una volta e non si sono mai chiariti.

ma soprattutto: che fastidio quando, a causa di tutte queste menate, la passione e l’interesse verso lo sviluppo inizia a scomparire sempre di più :(

Management 101
“la colpa non e’ sempre del management”

Mesi a smadonnare perche’ il nuovo “head platform engineer” o che cazzo e’ il suo titolo, dall’alto del suo “esperto di python” insiste nel farci lavorare creando un wrapper in python che genera/altera helm charts per qualsiasi cazzo di interazione con l’infrastruttura. Interazioni che sono sempre e comunque ipotetiche.

Lavorano con grandi moli di dati e hanno specifiche necessita’ ma noi stiamo a fare interfacce per la cloud che usano, come se fossimo un reseller di soluzioni cloud per terze parti. Non possiamo sapere che fanno o di cosa hanno realmente bisogno i vari team.

Per fare un sistema di backup solo di k8s container (no db, no datalake, etc), stiamo da due settimane a capire come cazzo lo vuole fatta sto tizio. Finalmente uno degli eng incaricati, chiamiamolo Eng-1 decide di mettersi giu’ e fare tutto il workflow da zero perche’ non si capisce che cazzo dice sta persona quando spiega le poche idee confuse che ha in mente. Ne ragiona con Eng-2 perche’ sa che ha le ferie a breve e in caso poi passa il lavoro all’altro.

I lavori partono e in 3-4 giorni ci siamo quasi. Poi l’eng va in ferie e dice “manca solo di fare xyz, lo puo’ fare altro eng oppure tu capo, decidi un po’”. Il capoccia “ci penso io”, “it’s easy” e’ tipo la sua signature phrase.

Il giorno dopo (venerdi): no ma non serve tutta sta roba (terraform che prepara tutta la parte di account, permessi, etc etc) usiamo questo account che ha permessi ovunque.
Creato a mano chissa’ quando, e via.
“Riscrivete lo script per ignorare tutta la roba che faceva prima” per cui Eng-2 ha speso anche un paio di giornate facendo le ore piccole perche’ “omg e’ urgenteh” e via.

Ovviamente Eng-2 incazzato come una biscia. Eng-1 ritorna domani dalle ferie e si trovera’ tutto il lavoro fatto buttato nel cestino.

Io tra 10 giorni vengo spostato a un’altro progetto, frega cazzi se non che mi dispiace per quei poveri cristi che invece sono assunti direttamente da sto cliente gestito da gente chiaramente esperta e che sa quello che fa.

1 Like

Ma solo io ero del tipo che quando qualche altro manager interveniva perchè aveva letto un po’ di quel linguaggio gli dicevo “Scusa ma tu sei manager di (in base al ruolo)? allora vai a manageriare da qualche altra parte lascia ai programmatori programmare”

Questo tizio e’ “Director of Cloud Engineering”. Cioe’ che cazzo gli dici?
La cosa brutta e’ che e’ il classico tipo che sa abbastanza per pensare di essere esperto, ma non abbastanza da sapere che non sai mai abbastanza.

La sua premessa a qualsiasi task e’ “it’s really easy”.
E’ arrivato e si e’ messo a creare tutto un suo processo di delivery in un namespace di git e poi ha iniziato a prendere i vari devops eng dai vari team e dirgli “da oggi lavorate in questo team”.

Arrivano quotidianamente devs dai vari teams a chiedere questo o quello. Se non e’ roba per i suoi “quarter goal” la risposta e’ sempre “non e’ una priorita’” e niente. Non importa che si parli di roba che e’ in produzione e ha bisogno di essere sistemata :dunnasd:

ho avuto a che fare con gente così, mi ha mandato in burnout peso :asd:
gente che è andata avanti supercazzolando e campando scuse ogni volta che andava male qualcosa.
li considero la peggio feccia

1 Like

Beh sul lavoro mi permetto anche io risposte abbastanza “dirette”:

Io al capo della piattaforma di integrazione: Vorrei avere threshold su numero di chiamate rest più alte per questa chiamata, tempo 2 settimane e non la facciamo più (Stavamo aiutando a passare un pezzo su kafka).
Lui: non si può fare, (poi contraddicendosi) ti metto un meeting con tecnico di piattaforma x.
Io: guarda già non siete esattamente il nostro modo preferito per integrarci ad altri, nel tempo del meeting risolviamo in altro modo. Grazie
Lui: ma…
Io metto giù

Lui contatta incazzato il manager, che ovviamente mi chiama ridendo (consegnamo sempre in tempo e non si rompe mai un nulla).

Come scritto su addio,
sto passando da una PMI, dove tutto sommato questi problemi non ci sono, ad una multinazionale.

Ho paura proprio di trovarmi manager cagacazzo e rimpiangere la scelta.
Nell’ultimo progetto su cui ho lavorato, ho ricevuto le analisi funzionali da stagisti Accenture.
Il progetto era anche bello grosso.

Non so se ero più incazzato o depresso.