Supporta il tuo Forum su Patreon!
 
  > Register  
  > Calendar  
  > Member List  
 
  > Support your Forum  
  > Today's Posts  
   

Go Back   netgamers.it > NetGamers Life > Agorà

Reply
 
Thread Tools Rate Thread
Old 11th June 2020, 21:23   #31
licher
* Toc Toc Toc * Wardas!
 
licher's Avatar
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 10,878
Quote:
Originally Posted by Sunn Jinn View Post
Cortesemente puoi consigliarmi un libro approfondito sull'argomento?
Tralascerei tutti i titoli sensazionalistici e la fuffa di cui è piena la materia.
Il migliore in assoluto penso sia senz'altro quello di Paolo Cochi, Mostro di Firenze: al di là di ogni ragionevole dubbio (ne è uscita una seconda edizione recentemente).
Poi c'è Storia delle merende infami, di Filastò, l'avvocato di Vanni. Più che per la ricostruzione del caso in sé (che comunque contiene riflessioni originali, come la teoria del mostro poliziotto) è una valida descrizione dell'assurdità della storia processuale e più in generale una critica alle metodologie dei processi indiziari. Tieni conto comunque che Filastò essendo stato avvocato della difesa tende, per quel che può, a gettare acqua verso la propria parte. Non è il 100% dell'imparzialità, ecco, pur dicendo fondamentalmente la verità.
Tra i grandi classici c'è poi Dolci colline di sangue, di Spezi e Preston. Spezi è (è stato) la memoria storica del caso e, anche se molto chiacchierato e criticato (la teoria a cui arriva è assurda da diversi punti di vista), è impossibile non incappare in qualcosa scritto da lui prima o poi, che sia un vecchio articolo di giornale piuttosto che uno spezzone di un suo libro appunto.


Per curiosità più che altro, c'è anche una grapich novel uscita di recente. Ne parlano abbastanza bene, di più non saprei

Quote:
Originally Posted by -Shotgun- View Post
Anche perchè in Europa il partito comunista italiano era quello che prendeva più voti e questo gli USA non potevano permetterlo.
Quindi pesantissime ingerenze straniere con la complicità dei nostri servizi segreti il tutto favorendo gruppi terroristici di estrema destra e mafiosi da usare come braccio armato e organizzando attentati e colpi di stato.
Arrivando ai giorni nostri se con la caduta del muro di Berlino lo spauracchio comunista che tanto toglieva il sonno a Kissinger e amichetti vari si ridemsionò drasticamente e come conseguenza la strategia della tensione da noi si attenuò fino a scomparire io ho sempre un dubbio che mi accompagna: mi chiedo se l'accondiscendenza palese di alcune parti delle istituzioni verso l'estrema destra e l'inefficacia nel contrastare le mafie siano dettate dalla volontà esistente ancora oggi di avere a disposizione un bacino dal quale attingere nel caso dovesse servire ancora qualcuno che faccia il lavoro sporco.
Il fatto che la strategia della tensione vide la sua naturale fine con la caduta del muro di Berlino, è, almeno in Italia, più un luogo comune che altro. In realtà proprio il periodo post caduta muro fece registrare un nuovo picco come non se ne vedeva da tempo (quantomeno dall'ultimo attentato del rapido 904 del 1984). Alla caduta del muro alcuni poteri iniziarono a sentire il fiato sul collo. Andreotti, da tanti considerato come il burattinaio d'Italia, fu colui che, primo in Europa, confermò l'esistenza ufficiale di Gladio tanto da far tremare le altre organizzazioni simili sparse per l'Europa che temevano anch'esse di vedersi tirate fuori allo scoperto dai rispettivi governi. (famoso il caso della SDRA8 belga che se ne uscì con il messaggio in codice Adolphe geht es gut su tutti i giornali per rassicurare i suoi). Il perché Andreotti lo abbia fatto è uno dei misteri più interessanti d'Italia. Intanto (direbbero i maligni) per distogliere i suoi collegamenti con altre "organizzazioni". Poi perché veniva meno il loro utilizzo in chiave anticomunista certo, e questo dovrebbe essere in teoria un segnale che lo Stato utilizzò gli eversivi e non viceversa (lo stesso Andreotti liquidò nel 1974 la Rosa dei venti, la cosiddetta "Gladio Nera" perché diventata ingestibile e anche per un cambio di direzione strategica internazionale nell'ambito della strategia della tensione). Ma, e qui sta il punto mai approfondito, anche perché Andreotti sentiva meno l'appoggio dell'alleato americano, che dopo Sigonella prima e dopo la caduta dell'Urss poi aveva deciso di cambiare cavallo su cui puntare. La morte di Falcone, che più di tutti si stava avvicinando a decifrare certe trame, fu uno svantaggio per Andreotti (che si giocò la presidenza della repubblica) e non il contrario. Non scordiamocelo.


Poi a chi dice che la strategia della tensione termina con la caduta del muro di Berlino dico di riandarsi a rivedere le bombe del 1993 e la Falange Armata. Al massimo si può dire che la strategia della tensione in Italia termina nel 1994. E di più non dico
licher is offline   Reply With Quote
Old 16th June 2020, 07:34   #32
catvet
Registered User
 
Join Date: Sep 2017
Posts: 4,938
https://www.corriere.it/esteri/20_gi...646448cc.shtml

Pare ci siano aggiornamenti piuttosto certi sull'indagine di Madeleine McCann
catvet is offline   Reply With Quote
Old 16th June 2020, 07:51   #33
IlDBA
BANNED
 
Join Date: Sep 2019
Posts: 1,557
3 anni, poveraccia
IlDBA is offline   Reply With Quote
Old 16th June 2020, 08:50   #34
Nemo
~~~~~
 
Nemo's Avatar
 
Join Date: Feb 1999
Location: /index.php
Posts: 21,260
move to mister&paraminchiate
Nemo is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 18:59   #35
licher
* Toc Toc Toc * Wardas!
 
licher's Avatar
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 10,878
E' di alcuni giorni fa, passata totalmente inosservata, la notizia che un italiano, tale Elio Ciolini, sarebbe legato in affari diplomatici con il presidente della Repubblica Centroafricana (uno dei paesi più poveri del mondo e da diversi anni in uno stato di guerra civile permanente)
https://www.africa-express.info/2020...l-centrafrica/
L'uomo, su cui persino alcuni commissari Onu hanno chiesto di indagare in merito, in realtà non è affatto un signor nessuno. Probabilmente ai più non dirà molto, ma il suo nome è legato a doppio mandato alla storia della seconda parte del novecento, non solo italiana ma internazionale. Storia fatta di misteri, incubi, terrore e morte.
Ricostruire la storia personale di questo enigmatico personaggio significa mettere le mani nell'intricato groviglio che ha legato, e forse lega tutt'ora, terrorismo internazionale, stragi, criminalità organizzata e traffico internazionale di droga. Dai rapporti con Delle Chiaie a quelli con Gelli, dalla strage di Bologna ai massacri belgi, dal rapimento di Vanden Boeynants alla Falange Armata con le uccisioni di Falcone e Borsellino e le bombe "mafiose" del 1993. Un filo nero che ha visto sempre la discreta e silenziosa presenza di quest'uomo
licher is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 19:36   #36
CrazyWildhog
Registered User
 
CrazyWildhog's Avatar
 
Join Date: Jun 2011
Posts: 13,775
Magari entrare un po' più nel dettaglio di chi è sto personaggio, visto che non l'ho mai sentito?
CrazyWildhog is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 19:40   #37
Frag!
Goryn Clade
 
Frag!'s Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: CODROIPO
Posts: 10,449
Ma che è stammerda? Meglio hans a sto punto
Frag! is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 21:03   #38
licher
* Toc Toc Toc * Wardas!
 
licher's Avatar
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 10,878
Quote:
Originally Posted by CrazyWildhog View Post
Magari entrare un po' più nel dettaglio di chi è sto personaggio, visto che non l'ho mai sentito?
Al 100% uomo dei servizi (da capire se effettivamente italiani, francesi o chissà quale groviglio di servizi in seno alla Nato).

Nasce a Firenze, e quando si parla di Sid/Sismi, questa città non è affatto casuale e vi sono diversi nomi inquietanti che tornano e ritornano in ogni mistero italiano degli ultimi 50 anni. Le prime informazioni note sulla "carriera" di Ciolini risalgono ai primi mesi del 1980. Viene "mandato" in Sud America da ufficiali italiani e entra in contatto con esponenti del terrorismo nero italiano in esilio tra Bolivia, Cile e Argentina. Uno si tutti Delle Chiaie. Nel 1981 viene arrestato in Svizzera, dove risiede stabilmente, per presunti brogli fiscali. Qui inizia a collaborare con i magistrati svizzeri e inizia ad accusare dell'attentato di Bologna, avvenuto pochi mesi prima, Licio Gelli, diversi membri di spicco del terrorismo nero tra cui lo stesso Delle Chiaie (che sarà poi assolto per insufficienza di prove) e una fantomatica super loggia massonica con sede a Montecarlo. Da precisare che lo scandalo P2 avverrà solo diversi mesi dopo. Analizzando le confessioni del Ciolini col senno del poi, queste appaiono un misto tra realtà e finzione, cose che poi effettivamente hanno trovato riscontro e altre completamente inventate di sana pianta. Tant'è che sorge il dubbio il Ciolini abbia detto solo il minimo indispensabile per uscire di prigione, sia stato imbeccato da qualcuno o abbia deliberatamente depistato per conto terzi. A suffragare questa cose le continue visite nel carcere svizzero, anche sotto falsa identità, di F.M.B., alto ufficiale dei carabinieri e responsabile del centro Sid (prima) Sismi (poi) di Firenze (ancora questa città). Personaggio ambiguo e inquietante FMB, al centro di quasi tutte le storie della strategia eversiva italiana w più volte accusato di depistare e inquinare le indagini.
Fatto sta che dal carcere Ciolini miracolosamente evade. Dallo stesso carcere svizzero l'anno successivo evaderà lo stesso Gelli.

Ciolini tornerà agli onori della cronaca a metà anni ottanta. Lo ritroveremo in Belgio invischiato in un'altra terribile storia che insanguinerà il paese
licher is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 22:41   #39
licher
* Toc Toc Toc * Wardas!
 
licher's Avatar
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 10,878
A metà anni ottanta Ciolini si trova a Bruxelles e viene presentato, sotto falsa identità come colonnello francese del Service Intervention Special Roland Boccioni



a Patrick Haemers
https://en.wikipedia.org/wiki/Patrick_Haemers
criminale belga con legami e amicizie nel mondo dell'estrema destra belga, in particolare il Front de la Jeunesse prima
https://en.wikipedia.org/wiki/Front_...nesse_(Belgium)
e il Westland New Post di Paul Latinus dopo
https://en.wikipedia.org/wiki/Westland_New_Post

Patrick Haemers mette su una banda dedita all'assalto ai portavalori. Azioni relativamente non violente e col chiaro intento di puntare al malloppo. La banda di Haemers trova l'appoggio di fiancheggiatori vari, provenienti dalla piccola criminalità organizzata di Bruxelles che garantiscono loro garage sicuri per le auto rubate da impiegare nelle rapine nonché a volte rubare per loro direttamente le stesse, da membri della sopracitata WNP e di gendarmi o ex gendarmi più o meno corrotti che frequentando gli stessi poligoni di tiro non si fanno scrupoli a passare loro armi quando richieste. Uno di questi è Madani Bouhouche, morto ucciso dalla sua stessa motosega () nel 2005 in Francia mentre scontava una sorta di latitanza e cremato in fretta e furia dalle autorità locali. Un personaggio che in questa storia tornerà più e più volte. Basti sapere che gran parte delle armi che riciclerà e si ritroverà tra le mani saranno armi rubate in vere e propri assalti militari al Gruppo Diane, un gruppo speciale della gendarmeria belga, poi disciolto, con legami alla SDRA8 la gladio belga.

Fatto sta che Ciolini entra in contatto con Haemers e la sua banda. Il perché Ciolini o il Servizio d'Intelligence per cui lavorava fosse interessato ad una banda di rapinatori è poco chiaro. Sono però gli anni ottanta e in Belgio scoppia il caso della Banda del Brabante Vallone. Un caso su cui tornerò in seguito se ne avrà l'opportunità. Un caso molto poco trattato in Italia, quasi sconosciuto al grande pubblico eppure dovrebbe aprire molti interrogativi soprattutto con i parallelismi che offre con l'omologo esempio italiano, la banda della Uno Bianca.
Di materiale in italiano purtroppo sulla vicenda si trova poco o nulla


Qualcuno ha ipotizzato possa esserci una continuità tra la Banda de Brabante Vallone e quella di Haemers, financo che possano essere le stesse. La differenza sostanziale è che mentre la seconda puntava esclusivamente al bottino la prima, soprattutto nella sua seconda fase, era esclusivamente di stampo terroristico. 28 morti in quasi 3 anni di attività.

Haemers e la sua banda sequestreranno poi nel 1989 l'ex primo ministro belga Vanden Boeynants rilasciato a seguito di un non meglio precisato riscatto un mese più tardi. La banda verrà poi arrestata e fallito un tentativo di fuga orchestrato da gendarmi corrotti, Haemers si suiciderà in carcere.
Durante la sua prigionia parlerà di come alcune "forze molto potenti", dei "veri e propri pazzi" si fossero avvicinati alla sua banda e di come avessero provato a coinvolgerlo in attività indicibili

Last edited by licher; 3rd September 2020 at 22:44.
licher is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 23:26   #40
licher
* Toc Toc Toc * Wardas!
 
licher's Avatar
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 10,878
Ciolini tornerà agli onori della cronaca agli inizi del 1992. Dal carcere in cui si trova scrive ai magistrati un dossier su imminenti stragi in divenire.
Cito testualmente
https://www.africa-express.info/2020...n-centrafrica/
“Oggetto: nuova strategia della tensione in Italia. Periodo: marzo-luglio 1992. […] Informo la Vostra Signora che […] avverranno fatti intesi a destabilizzare l’ordine pubblico come:
– esplosioni dinamitarde intente [sic] a colpire quelle persone “comuni” in luoghi pubblici;
– sequestro ed eventuale “omicidio” d’esponente politico Psi, Pci, Dc;
– sequestro ed eventuale “omicidio” del futuro presidente della Repubblica.
Tutto questo è stato deciso a Zagabria – Yu – (settembre ’91) nel quadro di un “riordinamento politico” della destra […]. La “storia” si ripete – dopo quasi quindici anni ci sarà un ritorno alle strategie omicide – per conseguire i loro intenti, falliti. Ritorno, come l’Araba Fenice”.

Da lì a qualche mese l'omicidio del dirigente siciliano della Dc Lima, le bombe ai magistrati Falcone e Borsellino prima, e in tutta Italia poi. Le rivendicazioni della misteriosa Falange Armata, comprese per le azioni della Uno Bianca, le cui chiamate, come confermato dall'ambasciatore Fulci venivano direttamente dai centri Sismi Per via della nomea di "raccontaballe" se non direttamente di depistatore fattasi con i fatti di Bologna le sue parole non verranno prese in considerazione rimanendo sepolte nella memoria storica, così come il suo nome
licher is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 23:47   #41
Ch4kra
Blueneck
 
Ch4kra's Avatar
 
Join Date: Jul 2012
Posts: 2,135
Scusate, conoscete per caso libri che affrontano casi irrisolti sia Italiani che non? Magari quelli più affascinanti tipo la donna di Isdal o il mistero della Orlandi
__________________
Long, long shall I rue thee, Too deeply to tell.
Ch4kra is offline   Reply With Quote
Old 3rd September 2020, 23:56   #42
-Shotgun-
Social Juggler
 
-Shotgun-'s Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: CapoFortuna
Posts: 7,434
licher quale sarebbe secondo te il movente politico dietro i fatti della Uno Bianca?
__________________
I'm so happy, cause today I found my friends,
They're in my head.
-Shotgun- is online now   Reply With Quote
Old 4th September 2020, 10:19   #43
Clive
!!! AD METALLA !!!
 
Clive's Avatar
 
Join Date: Mar 2006
Location: .. Mezzago, pure peggio!
Posts: 36,892
Oddio la Banda della Magliana era un conto e collaborazioni con i Servizi Segreti sono fatti e non dicerie ma la Uno Bianca furono "semplici" criminali. No?
L'intento eversivo della Uno Bianca qual'era? Tutti i colpi furono sempre orientati alle rapine.
__________________
" .... Il grado di Civilta' di un Paese si misura dalle sue prigioni .... "
Fedor Dostoevskij

“Two of the most famous products of Berkeley are LSD and Unix. I
don’t think that this is a coincidence.”
—Anonymous
Clive is offline   Reply With Quote
Old 4th September 2020, 11:19   #44
Porkchop Express
...adesso basta!
 
Porkchop Express's Avatar
 
Join Date: Jan 2003
Location: fatti i cazzi tuoi
Posts: 5,318
°
__________________

Ricorda il passato, comprendi il presente, migliora il futuro.
Errare è umano, ma per fare veramente casino ci vuole la password di root!
Porkchop Express is offline   Reply With Quote
Old 4th September 2020, 21:33   #45
licher
* Toc Toc Toc * Wardas!
 
licher's Avatar
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 10,878
Quote:
Originally Posted by -Shotgun- View Post
licher quale sarebbe secondo te il movente politico dietro i fatti della Uno Bianca?
Non è che i Savi avessero un movente specificamente politico per il loro operare. Il movente politico è semmai da inquadrare in chi potesse trarre vantaggi da questa stagione di sangue.
Per comprendere i fatti della Uno Bianca bisogna collocarli nel periodo post crollo muro di Berlino / rivelazione esistenza Gladio da parte di Andreotti in Parlamento. C'era il concreto rischio che un sistema di potere occulto composto da fragili alleanze e costituito dopo il secondo conflitto mondiale per proteggere/correggere/manovrare l'ordine democratico potesse essere spazzato via o semplicemente non essere più considerato essenziale da chi fino al giorno prima lo aveva protetto se non addirittura assecondato. Le rivelazioni di Andreotti generarono preoccupazione in seno all'organizzazione atlantica, con ad esempio la "Gladio" belga, la SDRA8, che rifiutò categoricamente di pubblicare i nominativi dei propri "gladiatori" (celebre il criptico titolo di giornale Adolphe geht es gut). In Italia poi si optò per una soluzione di compromesso "all'italiana" pubblicando i nomi di 622 gladiatori (molti dei quali già deceduti o non più in attività da tempo), quella parte di Gladio "buona", composta effettivamente da operativi mossi per lo meno all'apparenza da "nobili intenzioni", preparati sostanzialmente per un'imminente e col tempo sempre più improbabile invasione sovietica. Da qui tutta la retorica del "non scandalo" del "beh che complotto sarebbe?" e tutto il soft power che già s'era mosso (era già pronto un film con Sordi per sminuire tutto ). Anche perché era piuttosto lapalissiano che uno stato aderente ufficialmente alla Nato avesse dei piani militari segreti in caso di invasione dal Patto di Varsavia. E anche soprattutto perché nessun membro Gladio primigenio ha mai partecipato attivamente ad azioni terroristiche o omicidiarie. Anche perché a fare questo c'erano fino al 1974 i Nuclei di Difesa dello Staro e dopo la soppressione della Rosa dei Venti e il generale cambio internazionale di strategia, si adoperarono piccoli gruppi di terroristi/esaltati/criminali (vedi ad es. i Nar) da attivare e disattivare con facilità quando serviva e controllarli con più facilità secondo logiche di compartimentazione (ogni gruppo è una cellula a se che sa il minimo indispensabile, si riproduce su gerarchia piramidale e ti basta "togliere" il collo per sbarazzartene )


Ora la banda della Uno Bianca, esattamente come la Banda del Brabante Vallone (con cui condivide le stesse modalità operative/stragistiche oltre che la probabile provenienza dei membri da forze di polizia) ha una sua identica evoluzione. Per la Uno Bianca si possono individuare tre fasi:

-inizio con rapine ai caselli autostradali, in cui la banda inizia a prendere confidenza con gli assalti (dimostrando già una violenza fuori dal comune e probabilmente ottenendo "l'attenzione" se non direttamente l'approvazione di chi di dovere )

-vera e propria fase stragistica, in cui il bottino (esattamente come l'omologa belga) è l'ultima cosa che conta. Altrimenti non si spiegherebbero gli assalti ai campi rom e agli immigrati del Pilastro (no, nemmeno col razzismo endemico nella Polizia ), i ricercati scontri a fuoco con le forze dell'ordine, soprattutto carabinieri, con le due famosi stragi, una proprio al Pilastro stesso. Tutte le azioni di sangue di questa fase saranno rivendicate dalla Falange Armate, le cui chiamate provenivano dall'ufficio del Sismi

-chiusura della banda sancita direttamente da comunicato della Falange Armata. Da questo momento in poi gli attacchi si faranno molto meno sanguinari, pensando molto più al bottino (nelle poche rapine di questa fase racimoleranno molti più soldi che non nelle operazioni precedenti). Probabilmente dopo la "chiusura" sancita dalla Falange Armata sentono che hanno perso gli appoggi e si concentrano sul denaro per racimolare un po' prima che la festa finisse


24 morti per delle cifre assolutamente ridicole, e quasi tutte ascrivibili alla sola terza fase
licher is offline   Reply With Quote
Reply

Tags
paura_eh?

Thread Tools
Rate This Thread
Rate This Thread:

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Forum Jump


All times are GMT +2. The time now is 22:52.



Copyright 2017-2024 by netgamers.it